Scandalo scommesse, Urge Salvare la Credibilità del Calcio

scandalo calcioscommesse

Tra le forme di Business più gettonate, al giorno d’oggi, le scommesse sportive rappresentano un vero e proprio pericolo per il loro vasto bacino di utenza.

Chi di voi , almeno una volta, anche solo per sfizio, non ha mai giocato una “bolletta sportiva”? Penso proprio nessuno.

Finchè però ci si limita a provarci ogni tanto, il problema non sussiste. Ma se ci colleghiamo invece al discorso di scommettitori incalliti, coloro che pensano di investire maree di soldi per poi mandare in fallimento la propria famiglia involontariamente, secondo voi, non si tratta di una vera e propria malattia?

Beh cari miei, oggi non sono qui per farvi la solita ramanzina, del tipo “Non giocate”, “Non siate malati” o roba simile, bensì per dimostarvi quali siano i motivi del perchè diffidare dalle scommesse e perchè si continua a parlare del famoso argomento “CALCIO PULITO”.

Qui di seguito, vi cito alcuni eventi che si collegheranno poi al messaggio che ho deciso di darvi con questo articolo.

TOTONERO: nella stagione 1979-80, il calcio italiano fu segnato dallo scandalo scommesse che vedeva coinvolti diversi giocatori, dirigenti, e società appartenenti alla Serie A e B, che truccavano le partite di campionato attraverso delle scommesse clandestine violando dunque il regolamento della FIGC.

TOTONERO-BIS: a distanza di 6 anni, nella stagione 1985-86 fu aperta un’inchiesta riguardo alcune scomesse illegali di alcune partite nei campionati professionistici, a seguito della quale furono presi i dovuti provvedimenti penalizzando sia in punti sia in retrocessione le squadre coinvolte.

CALCIOPOLI: scandalo verificatosi nel 2006, coinvolgendo società professionistiche importanti e numerosi dirigenti dei principali organi calcistici italiani, quali Federazione Italiana Giuoco Calcio, Lega Nazionale Professionisti e Associazione italiana arbitri.

SCOMMESSOPOLI:  colpiti calcio e calcio a 5 dal giugno del 2011. Coinvolti giocatori, dirigenti e società di Serie A, Serie B, Lega Pro e Lega nazionale dilettanti accusati di associazione a delinquere finalizzata alla truffa e alla frode sportiva.

Citati questi eventi, che come sappiamo non hanno alcun lato positivo, possiamo comprendere che il problema principale delle “Scommesse” non risiede in primis in coloro che posseggono centri scommesse o che scommettono (scusate il gioco di parole) , bensì dal calcio stesso (federazione del giuoco del calcio . tutti gli organi competenti e i calciatori/dirigenti).

Che senso ha dunque scommettere su un qualcosa che essa stessa è falsata? Per me,  sarebbe solo spreco di denaro, non credete?

Purtroppo, così come ho detto all’inizio, nei settori in cui girano molti soldi è difficile, anzi quasi impossibile, che non si verifichino frodi o tentativi di truffa.

 In tutto questo discorso, la domanda sorge spontanea: “I sistemi di scommesse, i famosi bookmakers hanno preso dei dovuti provvedimenti a seguito di questi eventi negativi?”

Beh, più di limitare alcuni pronostici su squadre di serie minori non hanno potuto fare. Ma quindi a cosa è servito? A nulla!

L’unica cosa che ci resta da fare è sperare che non si ripetino più episodi del genere, cercando di far trionfare lo spettacolo dei campi non come fonte di guadagno economico, bensì come passione e divertimento.

Insomma ragazzi, mi dispiace dirlo, non possiamo dare alcun nostro contributo e sta a noi decidere le sorti di noi stessi scegliendo se utilizzare le nostre entrate economiche solamente in scommesse.

L’unica cosa che ci rimane da fare, è urlare “VOGLIAMO UN CALCIO PULITO, URGE UN CALCIO PULITO!”

Related posts

Leave a Comment